Serra de’ Conti: allarme piccioni, il sindaco indice un’assemblea pubblica

Il problema della proliferazione dei piccioni nella varietà dei ‘colombi urbani’ è presente a Serra de’ Conti come in quasi tutti i centri abitati dell’hinterland, specie quelli di impianto più antico, dove le costruzioni presentano maggiore possibilità di luoghi di stazionamento e nidificazione.Microclima favorevole, possibilità di procurarsi agevolmente il cibo, scarsa o nulla presenza di predatori naturali fanno dei centri urbani un ambiente particolarmente ‘vocato’ per piccioni torraioli e colombi. La notevolissima presenza di queste specie nel centro storico sta diventando per Serra de’ Conti un tema assillante in primo luogo per quel che concerne il profilo igienico-sanitario, ma anche per il rischio di danni o compromissioni al patrimonio edilizio pubblico e privato, oltre che aspetto che solo erroneamente può esser considerato di margine- per ragioni estetiche connesse all’impatto visivo in centri urbani di impianto medioevale oggi riscoperti da flussi turistici non più di nicchia e, quindi, potenzialmente in grado di riflettersi positivamente su tante piccole economie locali minate dalla crisi.

L’amministrazione comunale di Serra de’ Conti ha ripetutamente affrontato la questione con ordinanze ad hoc, mentre proprio in questi giorni il Sindaco Arduino Tassi ha sottoscritto una nota con cui chiede all’Ufficio Faunistico della Provincia di Ancona di intervenire con misure oggettive per pianificare il controllo di queste specie impedendone la proliferazione, e dando con ciò risposta concreta alla protesta creescente di associazioni e cittadini. Per affrontare il problema il Comune di Serra de’ Conti ha promosso per il 27 febbraio prossimo, alle ore 21 e nella Residenza Municipale, una assemblea pubblica alla quale, oltre al Sindaco Tassi ed ai rappresentanti della amministrazione comunale, interverrà il dott. Vinicio Franceschetti, Assessore del Comune di Corinaldo.

L’invito a partecipare è stato indirizzato, oltre che alla generalità dei cittadini, alle associazioni locali, al gruppo organizzato dei commercianti del centro storico, all’A.N.T.E.A.S., ai rappresentanti delle associazioni venatorie e faunistiche, per una analisi ed una discussione congiunta del fenomeno e delle soluzioni che Serra de’ Conti sta definendo a livello locale, in attesa che la Provincia intervenga -come auspicabile- con adeguate misure pianificatorie.

dal Comune di Serra de’ Conti
www.comune.serradeconti.an.it